Visite: 528

Il Consiglio di Classe (CdC) che opera nella Scuola secondaria, è composto dai docenti di ogni singola classe (inclusi quelli di sostegno), da due rappresentanti dei genitori e due rappresentanti degli studenti.
Presiede il Dirigente scolastico o un docente da lui delegato, facente parte del Consiglio.

F parte del Consiglio di classe i docenti tecnico pratici (ITP) anche quando il loro insegnamento si svolge in compresenza. Gli ITP sono membri del CdC a pieno titolo e con pienezza di voto deliberativo. Le proposte di voto per le valutazioni periodiche e finali relative alle materie il cui insegnamento è svolto in compresenza, sono autonomamente formulate, per gli ambiti di rispettiva competenza didattica, dal singolo docente sentito l’altro insegnante. Il voto unico viene poi assegnato dal consiglio di classe sulla base delle proposte formulate e degli elementi di giudizio forniti dai due docenti interessati.

Al Consiglio di classe, con la sola presenza dei docenti (articolazione semplice) spettano le competenze relative alla realizzazione del coordinamento didattico e dei rapporti interdisciplinari, in particolare: attribuisce la responsabilità per lo sviluppo delle competenze ad ogni docente tenendo conto delle proposte dei docenti membri e delle indicazioni stabilite nei vari Dipartimenti; definisce le competenze in relazione alle discipline, le metodologie idonee e gli strumenti in relazione alla situazione iniziale della classe e alle indicazioni generali dei Dipartimenti; controlla in itinere lo sviluppo della Programmazione educativo-didattica della classe anche in rapporto alla tempistica stabilita a inizio anno e ai risultati attesi in relazione alle competenze definite; pianifica interventi di potenziamento, consolidamento, recupero in itinere; alla definizione di un comportamento comune nei confronti degli studenti nei vari momenti della vita scolastica; alle valutazioni periodiche e finali degli alunni della classe.


Al Consiglio di classe, con la presenza dei docenti e dei rappresentanti dei genitori e degli studenti (articolazione composta) spetta formulare al Collegio dei docenti proposte in ordine all’azione educativa e didattica, proporre e farsi promotore di iniziative di sperimentazione, attività culturali e formative che integrano l’insegnamento curricolare come visite e viaggi di istruzione, frequentazione di mostre, teatri, cinema, partecipazioni a seminari, convegni , visite aziendali, partecipazione degli alunni a stage, concorsi, agevolare ed estendere i rapporti reciproci tra docenti, genitori ed alunni.

Approfondimenti su Orizzonte Scuola.

Torna all'inizio del contenuto